martedì 18 marzo 2014

Il Fai apre le porte ai luoghi sconosciuti


Sabato 22 marzo e domenica 23 marzo tornano le giornate del Fai di Primavera, ed anche in Polesine saranno aperti al pubblico diversi luoghi che in genere non sono mai visitabili dal pubblico. Per parlarne sono state ospiti in studio la presidente della delegazione del Fai di Rovigo, Chiara Tosini e la consigliera con delega alla cultura del Comune di Adria, Mara Bellettato. Quest'anno infatti la protagonista è la città di Adria: «eravamo già stati ad Adria qualche anno fa siamo ritornati perché ci sono ancora tante cose da scoprire – ha detto Chiara Tosini - ringrazio gli sponsor ed i sostenitori di questa iniziativa partendo proprio dalla Sovraintendenza dei beni archeologici della città di Adria che ci consentirà di andare alla scoperta di posti altrimenti non visitabili e poi ringrazio la Diocesi ed il Comune di Adria. Ricordo che le giornate del Fai sono giornate di raccolta fondi e per chi ancora non conoscesse il Fondo per l'ambiente italiano, per farlo conoscere e per fare conoscere che il suo scopo che è quello di raccogliere contributi per salvare dei beni che stanno andando in rovina sia per mantenere quelli che il Fai è già riuscito a salvare. Quindi grazie ad alcuni sponsor come la Mercedes, Banca Generali e la Mercedes siamo riusciti a realizzare il materiale promozionale. Ad Adria saranno visitabili i Depositi del museo archeologico nazionale di Adria, Villa Angeli, che è in una via laterale al Museo Archeologico, è una villa privata, fatta su disegno dell'architetto Giambattista Scarpari. Ed ancora la Sala risorgimentale di Palazzo Cordella e infine il Palazzo Vescovile. I luoghi sono visitabili sabato «ringrazio i ristoratori locali – ha detto Mara Bellettato – che applicheranno dei prezzi agevolati e dei menù appositi per fare conoscere i prodotti tipici della cucina polesana. Ringrazio inoltre Adria Shopping che pha invitato i negozi a tenere aperto anche nella giornata di domenica. Poi una gelateria ha realizzato un gelato con i colori del Fai che sono il verde e l'arancione. Poi avremo la collaborazione del conservatorio di Adria, i cui musicisti accompagneranno le visite suonando brani di musica classica». Le visite inizieranno dal Palazzo Vescovile oppure dal Museo Archeologico, che sono luoghi dove è facile trovare parcheggio e poi si andrà verso il centro. Al sabato le visite inizieranno alle 15.00 e proseguiranno fino alle 17.30. Invece alla domenica apriremo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.00.





Nessun commento:

Posta un commento

Tutte le sfumature di Arte per la libertà

Puntuale anche quest’anno torna la rassegna culturale “Arte per la libertà”. Un ricco calendario di appuntamenti che ci terranno compagnia...

martedì 18 marzo 2014

Il Fai apre le porte ai luoghi sconosciuti


Sabato 22 marzo e domenica 23 marzo tornano le giornate del Fai di Primavera, ed anche in Polesine saranno aperti al pubblico diversi luoghi che in genere non sono mai visitabili dal pubblico. Per parlarne sono state ospiti in studio la presidente della delegazione del Fai di Rovigo, Chiara Tosini e la consigliera con delega alla cultura del Comune di Adria, Mara Bellettato. Quest'anno infatti la protagonista è la città di Adria: «eravamo già stati ad Adria qualche anno fa siamo ritornati perché ci sono ancora tante cose da scoprire – ha detto Chiara Tosini - ringrazio gli sponsor ed i sostenitori di questa iniziativa partendo proprio dalla Sovraintendenza dei beni archeologici della città di Adria che ci consentirà di andare alla scoperta di posti altrimenti non visitabili e poi ringrazio la Diocesi ed il Comune di Adria. Ricordo che le giornate del Fai sono giornate di raccolta fondi e per chi ancora non conoscesse il Fondo per l'ambiente italiano, per farlo conoscere e per fare conoscere che il suo scopo che è quello di raccogliere contributi per salvare dei beni che stanno andando in rovina sia per mantenere quelli che il Fai è già riuscito a salvare. Quindi grazie ad alcuni sponsor come la Mercedes, Banca Generali e la Mercedes siamo riusciti a realizzare il materiale promozionale. Ad Adria saranno visitabili i Depositi del museo archeologico nazionale di Adria, Villa Angeli, che è in una via laterale al Museo Archeologico, è una villa privata, fatta su disegno dell'architetto Giambattista Scarpari. Ed ancora la Sala risorgimentale di Palazzo Cordella e infine il Palazzo Vescovile. I luoghi sono visitabili sabato «ringrazio i ristoratori locali – ha detto Mara Bellettato – che applicheranno dei prezzi agevolati e dei menù appositi per fare conoscere i prodotti tipici della cucina polesana. Ringrazio inoltre Adria Shopping che pha invitato i negozi a tenere aperto anche nella giornata di domenica. Poi una gelateria ha realizzato un gelato con i colori del Fai che sono il verde e l'arancione. Poi avremo la collaborazione del conservatorio di Adria, i cui musicisti accompagneranno le visite suonando brani di musica classica». Le visite inizieranno dal Palazzo Vescovile oppure dal Museo Archeologico, che sono luoghi dove è facile trovare parcheggio e poi si andrà verso il centro. Al sabato le visite inizieranno alle 15.00 e proseguiranno fino alle 17.30. Invece alla domenica apriremo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.00.





Nessun commento:

Posta un commento