venerdì 29 novembre 2013

Giovani volontarie ospiti a Coast to Coast


Ospiti della puntata di Coast to coast in onda questa settimana sono Giulia, Sophie e Marina. Sono tre ragazze che stanno facendo volontariato con i senza fissa dimora con Arcisolidarietà. Sophie è Belga, Marina è spagnola di Madrid. Giulia e Marina erano già state in radio ospiti di Radio Volontariato. In questo caso hanno raccontato come hanno trascorso la notte dei senza fissa dimora, svoltasi di recente a Rovigo. «Abbiamo cominciato alle 18 con una festa - ha detto Sophie - e abbiamo proiettato un filmato che si chiama “Sette miliardi di altri”, che parla di un francese che ha girato il mondo facendo la stessa domanda a settemila persone sulla differenza tra avere una casa e non averla. Poi abbiamo bevuto del thé africano mentre i volontari di Artinstrada hanno fatto uno spettacolo di giocoleria con il fuoco». «Lo abbiamo fatto a quell’ora - ha detto Giulia - perchè c’è gente che arriva con il treno e quindi volevamo attirare la loro attenzione. Abbiamo poi allestito una camera, con il letto ed il comodino e tutto ma a cielo aperto per rendere più scioccante l’impatto visivo. Perchè uno quando è a letto si sente al sicuro invece lì non c’è niente che copre e che dà sicurezza. Volevamo creare un po’ di curiosità nelle persone che passavano».
*************************************************************
La settimana scorsa invece era stato ospite Andrea Nalio

La palla ovale entra in radio


Ha già debuttato questa settimana la nuova rubrica “Linea di Meta”, un programma che si occupa di rugby e come sappiamo quello della palla ovale è indubbiamente lo sport simbolo della città di Rovigo. E’ condotto da Andrea Nalio, giovane giornalista che da tempo si occupa di questa disciplina e che ha come ospite ogni settimana un giornalista, un tecnico o qualche giocatore del rugby polesano.

martedì 26 novembre 2013

Alberto Gambato ci racconta il Festival di Roma



Da un po’ di giorni ormai è calato il sipario sulla Festa del cinema di Roma. Tra coloro che lo hanno seguito da vicino c’era il nostro Alberto Gambato che è venuto in radio per portarci le sue impressioni a riflettori spenti. Incalzato da Simone ci ha presi su e ci ha fatto fare un giro sul treno delle emozioni vissute ad occhi spalancati durante quelle giornate di bobine fatte girare a più non posso. «C’ero stato nel 2006  a Roma alla prima edizione ma non mi era piaciuta. Non mi piace il luogo dove viene fatto, nel quartiere Prati, dove ci sono ancora gli impianti  delle Olimpiadi del 1960. Lì mancano completamente le strutture ricettive, bar ristoranti, alberghi ecc. con la metro non ci si arriva direttamente. Poi l’auditorium è una struttura fredda, non ha nulla di quella malinconia, di quella atmosfere che possono avere Cannes o il Lido.

Il manuale dei tuoi perchè



Un libro nato al telefono. Parlando. Scambiandosi opinioni. Cercando risposte alle proprie domande, ai tanti perché di ogni giorno.  Confidenze sentimentali messe nero su bianco in un piccolo manuale. “Il manuale dei tuoi perché”. Perché i “perché” di Marika Zago e Fabio Faggion sono i perché di tutti noi. Più o meno. Le situazioni che portano alle domande magari sono diverse, ma le risposte che si cercano alla fine sono le stesse. Marika e Fabio hanno deciso di scrivere questo opuscolo per Alberto Brigo Editore e noi ne abbiamo voluto sapere di più, invitandoli alla radio per intervistarli per sapere il perché avevano deciso di scrivere un libro sui perché. Per entrambi si tratta del debutto editoriale «Con Marika ci siamo conosciuti e ci siamo trovati subito in sintonia – dice Fabio – poi dopo un anno che ci conoscevamo, era una giornata di Pasquetta abbiamo iniziato a parlare delle situazioni che avevamo vissuto ed le ho proposto di mettere nero su bianco le risposte che noi cercavamo, lei non sembrava molto convinta ma il giorno dopo mi ha mandato una mail ed io ho scoperto  anche il suo modo di scrivere che mi è piaciuto molto». 

mercoledì 20 novembre 2013

Il mistero della Dama di Chiunsano


Il Polesine è una terra di misteri. Ogni tanto ne emerge qualcuno di nuovo. Uno di questi misteri prova a svelarlo Sondra Coizzi (nella foto al centro), nel suo romanzo “La Dama di Chiunsano” pubblicato da Alberto Brigo Editore. Romanzo che ci presenta nella rubrica “Ponte Radio”. Chiunsano è una località nella campagna Polesana, tra Gaiba e Ficarolo dove sono stati trovati i resti di una villa rustica romana e dove nel 1992 fu rinvenuto il corpo di una donna germanica del V secolo, di età matura, sepolta con tantissimi gioielli di oreficeria barbarica, sotto l’antica pavimentazione della domus. Da qui è nata l’ispirazione di Sondra che ha immaginato nelle pagine di questo libro, chi potesse essere questa persona che lei ha ribattezzato con il nome di Amalia. 

lunedì 18 novembre 2013

L'importanza degli screening per prevenire i tumori



Nella puntata di Arab Rovigo in onda questa settimana è ospite Anna Stomeo dirigente medico che si occupa della programmazione e della valutazione degli screening oncologici per l’Ulss 18. Secondo le statistiche una donna su otto contrae il tumore al seno per questo la prevenzione è la prima medicina ed è quindi fondamentale fare conoscere  a ogni cittadino come riconoscere e come curare e soprattutto affrontare il difficile percorso che ogni patologia impone al paziente. Dounia e Valentina hanno quindi voluto fare una puntata per comunicare alle donne italiane e alle donne di origini marocchine, che sono magari meno informate come sottoporsi agli screening oncologici. «Prevenzione vuol dire fare qualcosa in grado di diagnosticare la malattia prima che si manifesti - ha detto la Stomeo - lo screening è proprio l’intervento che permette fare una diagnosi precoce anche al fine di riconoscere eventualmente il tumore quando è all’inizio, quindi adottando un intervento meno invasivo. Il test di screening viene condotto su una popolazione apparentemente sana.

sabato 16 novembre 2013

Franco Callegaro. Quando scrivere poesie è quasi un destino



Tutto è iniziato un giorno come gli altri, mentre Franco tornava dal lavoro, lungo una strada di campagna.Solo che quel giorno si è trovato davanti un affascinante tramonto. Tanto affascinante da fargli decidere di accostare la sua automobile per fermarsi ad ammirarlo. Solo con se stesso. Questo succedeva quattordici anni fa. L’incontro con quel tramonto è stato anche il suo incontro con la poesia. E da allora non l’ha più lasciata.

venerdì 15 novembre 2013

Andrea Tincani a "Per un Pugno di Film"



Questa settimana il nostro giro del mondo in 80 personaggi del cinema, fa un momento di sosta, perché è tornato a trovarci l'esperto di cinema Andrea Tincani che ci ha parlato della rassegna dell'Arci di Rovigo, "Il cinema in città", in corso di svolgimento presso il Teatro don Bosco di Rovigo e che anzi si avvicina alla conclusione. Le proiezioni sono gratuite e si tengono ogni giovedì sera. Giovedì 14 è stato proiettato il Faust di Sukurov: «Un film importante della storia del cinema. E' un film molto difficile perchè è uno di quei film in cui il regista è molto più colto degli spettatori medi. Poi la cosa che si gode è proprio la messa in scena del film e per un pubblico abituato agli effetti speciali è qualcosa di molto partocolare, perchè lui fa uso solamente di trucchi ottici, quindi usa le lenti e gli obiettivi come si poteva fare dieci anni fa quindi non c'è l'uso del digitale e con attori molto bravi. Il film è stato presentato dal professor Gambato. Giovedì 21 novembre sarà la volta di "Qualcosa nell'aria", che racconta le vicissitudini di un gruppo di ragazzi che fanno il liceo dopo i fatti del '68 e che scoprono l'impegno politico. E' uno dei miei preferiti. Poi chiuderemo in leggerezza, il 28 novembre, con un film melodrammatico, che si chiama "Treno di notte per Lisbona", anche qui con attori importanti ed è la storia di una ricerca degli effetti  una vicenda avvenuta durante la rivoluzione dei garofani in Portogallo e c'è un bel quadro di descrizione sia dell'ambiente ma anche della vicenda amorosa che non è banale. E' un film di estrema gradevolezza». 

domenica 10 novembre 2013

Per un pugno di film: Il giro del mondo in 80 personaggi del cinema


Continua la rubrica "Per un pugno di film", con il solo Simone Munaro al timone (visto che l'amico Denis ha momentaneamente lasciato la nave per raggiungere altri porti) e così con Simone e l'inespertissimo sottoscritto abbiamo iniziato un viaggio alla scoperta dei personaggi del cinema. 
L'idea è nata un po' casualmente dopo avere passato un pomeriggio ad ascoltare e a scoprire Rick Battaglia attore polesano. Abbiamo così intrapreso una strada, navigando a vista, che non sappiamo bene dove ci porterà, perchè gli unici riferimenti che abbiamo sono collegamenti (links) che ogni volta scopriamo, tra i vari attori e registi, e così per il fatto che Battaglia ha lavorato con Sergio Leone, ci siamo lanciato alla scoperta del regista italiano, poi per il fatto che questi è stato plagiato da Akira Kurosawa, abbiamo voluto scoprire chi era e poi per il fatto che Akira Kurosawa ha fatto ben 16 film con Toshiro Mifune abbiamo voluto saperne di più anche su di lui e poi abbiamo scoperto che un regista danese, Lars Von Trier ha fatto un film priprio sull'attore giapponese, ci siamo lanciati alla scoperta anche della vita e opere anche del regista danese... di chi parleremo la prossima puntata? Lo scoprirete seguendo le nostre puntate. 

Puntata del 25 ottobre 2013 (Akira Kurosawa)

Puntata del 1 novembre 2013 (Toshiro Mifune)

Puntata del 8 novembre 2013 (Lars Von Trier)


Giulia e Marina aiutano i senza fissa dimora




Due esperienze di volontariato diverse ma per la stessa associazione. Le ospiti della puntata di Radio Volontariato per il mese di novembre sono Giulia Rociola e Marina Puyol che prestano servizio presso l'Arcisolidarietà di Rovigo. «Arcisolidarietà – ha detto Giulia – è una associazione che si occupa di persone senza fissa dimora e anche di persone che sono arrivate in Italia a seguito dell’emergenza nord-Africa. Ha un asilo notturno a cui le persone che si trovano in difficoltà economica ma anche di relazione, difficoltà affettive,  possono rivolgersi. Possono trovare ospitalità dalle ore 20 (durante il periodo invernale e dalle 21 nel periodo estivo) e possono rimare per la notte fino alle 7 della mattina, orario in cui noi volontarie andiamo per preparare le colazioni». 

martedì 5 novembre 2013

Alberto, da Lusia all'Inghilterra per imparare l'inglese


Ospite della settimana puntata di “Polesine Coast to coast”, la voce giovane di Radio Kolbe, è stato Alberto Pomaro di Lusia che dopo la laurea triennale in ingegneria gestionale ha trascorso un periodo in Inghilterra a Eastburne per migliorare il suo rapporto con la lingua inglese. “Andando in Inghilterra impari la lingua ma non tanto studiando, piuttosto parlandola con gli altri stranieri che sono lì per studiare come te. Sono stato ospite in una famiglia, composta da una mamma con due figlie ed un figlio. Alberto ha proposto agli ascoltatori la canzone di Max Pezzali, “Io ci sarò”. Ed ha aggiunto: «ero in una scuola inglese, dove si studiava grammatica. Le uniche difficoltà che ho trovato sono state un po’ all’inizio, nei primi giorni, poi mi sono ambientato. C’erano anche attività ludiche, come partite a calcetto ecc. E’ una esperienza che rifarei certamente e la consiglio sicuramente a tutti i ragazzi che vogliono migliorare la propria capacità linguistica». I conduttori Thomas e Alberto, gli hanno chiesto se è disponibile a trasferirsi all’estero per lavoro: «Si, lo farei, ma la cosa importante sarebbe apprendere delle capacità, le conoscenze all’estero e importarle nel nostro paese, per costruire qualcosa di buono anche nel nostro paese, nella nostra nazione». Quando non va in Inghilterra Alberto si dà da fare come animatore in parrocchia ed ora sta preparando i ragazzi a ricevere la Santa Cresima. I ragazzi hanno quindi concluso la puntata commentando un twitt di Papa Francesco. 


venerdì 29 novembre 2013

Giovani volontarie ospiti a Coast to Coast


Ospiti della puntata di Coast to coast in onda questa settimana sono Giulia, Sophie e Marina. Sono tre ragazze che stanno facendo volontariato con i senza fissa dimora con Arcisolidarietà. Sophie è Belga, Marina è spagnola di Madrid. Giulia e Marina erano già state in radio ospiti di Radio Volontariato. In questo caso hanno raccontato come hanno trascorso la notte dei senza fissa dimora, svoltasi di recente a Rovigo. «Abbiamo cominciato alle 18 con una festa - ha detto Sophie - e abbiamo proiettato un filmato che si chiama “Sette miliardi di altri”, che parla di un francese che ha girato il mondo facendo la stessa domanda a settemila persone sulla differenza tra avere una casa e non averla. Poi abbiamo bevuto del thé africano mentre i volontari di Artinstrada hanno fatto uno spettacolo di giocoleria con il fuoco». «Lo abbiamo fatto a quell’ora - ha detto Giulia - perchè c’è gente che arriva con il treno e quindi volevamo attirare la loro attenzione. Abbiamo poi allestito una camera, con il letto ed il comodino e tutto ma a cielo aperto per rendere più scioccante l’impatto visivo. Perchè uno quando è a letto si sente al sicuro invece lì non c’è niente che copre e che dà sicurezza. Volevamo creare un po’ di curiosità nelle persone che passavano».
*************************************************************
La settimana scorsa invece era stato ospite Andrea Nalio

La palla ovale entra in radio


Ha già debuttato questa settimana la nuova rubrica “Linea di Meta”, un programma che si occupa di rugby e come sappiamo quello della palla ovale è indubbiamente lo sport simbolo della città di Rovigo. E’ condotto da Andrea Nalio, giovane giornalista che da tempo si occupa di questa disciplina e che ha come ospite ogni settimana un giornalista, un tecnico o qualche giocatore del rugby polesano.

martedì 26 novembre 2013

Alberto Gambato ci racconta il Festival di Roma



Da un po’ di giorni ormai è calato il sipario sulla Festa del cinema di Roma. Tra coloro che lo hanno seguito da vicino c’era il nostro Alberto Gambato che è venuto in radio per portarci le sue impressioni a riflettori spenti. Incalzato da Simone ci ha presi su e ci ha fatto fare un giro sul treno delle emozioni vissute ad occhi spalancati durante quelle giornate di bobine fatte girare a più non posso. «C’ero stato nel 2006  a Roma alla prima edizione ma non mi era piaciuta. Non mi piace il luogo dove viene fatto, nel quartiere Prati, dove ci sono ancora gli impianti  delle Olimpiadi del 1960. Lì mancano completamente le strutture ricettive, bar ristoranti, alberghi ecc. con la metro non ci si arriva direttamente. Poi l’auditorium è una struttura fredda, non ha nulla di quella malinconia, di quella atmosfere che possono avere Cannes o il Lido.

Il manuale dei tuoi perchè



Un libro nato al telefono. Parlando. Scambiandosi opinioni. Cercando risposte alle proprie domande, ai tanti perché di ogni giorno.  Confidenze sentimentali messe nero su bianco in un piccolo manuale. “Il manuale dei tuoi perché”. Perché i “perché” di Marika Zago e Fabio Faggion sono i perché di tutti noi. Più o meno. Le situazioni che portano alle domande magari sono diverse, ma le risposte che si cercano alla fine sono le stesse. Marika e Fabio hanno deciso di scrivere questo opuscolo per Alberto Brigo Editore e noi ne abbiamo voluto sapere di più, invitandoli alla radio per intervistarli per sapere il perché avevano deciso di scrivere un libro sui perché. Per entrambi si tratta del debutto editoriale «Con Marika ci siamo conosciuti e ci siamo trovati subito in sintonia – dice Fabio – poi dopo un anno che ci conoscevamo, era una giornata di Pasquetta abbiamo iniziato a parlare delle situazioni che avevamo vissuto ed le ho proposto di mettere nero su bianco le risposte che noi cercavamo, lei non sembrava molto convinta ma il giorno dopo mi ha mandato una mail ed io ho scoperto  anche il suo modo di scrivere che mi è piaciuto molto». 

mercoledì 20 novembre 2013

Il mistero della Dama di Chiunsano


Il Polesine è una terra di misteri. Ogni tanto ne emerge qualcuno di nuovo. Uno di questi misteri prova a svelarlo Sondra Coizzi (nella foto al centro), nel suo romanzo “La Dama di Chiunsano” pubblicato da Alberto Brigo Editore. Romanzo che ci presenta nella rubrica “Ponte Radio”. Chiunsano è una località nella campagna Polesana, tra Gaiba e Ficarolo dove sono stati trovati i resti di una villa rustica romana e dove nel 1992 fu rinvenuto il corpo di una donna germanica del V secolo, di età matura, sepolta con tantissimi gioielli di oreficeria barbarica, sotto l’antica pavimentazione della domus. Da qui è nata l’ispirazione di Sondra che ha immaginato nelle pagine di questo libro, chi potesse essere questa persona che lei ha ribattezzato con il nome di Amalia. 

lunedì 18 novembre 2013

L'importanza degli screening per prevenire i tumori



Nella puntata di Arab Rovigo in onda questa settimana è ospite Anna Stomeo dirigente medico che si occupa della programmazione e della valutazione degli screening oncologici per l’Ulss 18. Secondo le statistiche una donna su otto contrae il tumore al seno per questo la prevenzione è la prima medicina ed è quindi fondamentale fare conoscere  a ogni cittadino come riconoscere e come curare e soprattutto affrontare il difficile percorso che ogni patologia impone al paziente. Dounia e Valentina hanno quindi voluto fare una puntata per comunicare alle donne italiane e alle donne di origini marocchine, che sono magari meno informate come sottoporsi agli screening oncologici. «Prevenzione vuol dire fare qualcosa in grado di diagnosticare la malattia prima che si manifesti - ha detto la Stomeo - lo screening è proprio l’intervento che permette fare una diagnosi precoce anche al fine di riconoscere eventualmente il tumore quando è all’inizio, quindi adottando un intervento meno invasivo. Il test di screening viene condotto su una popolazione apparentemente sana.

sabato 16 novembre 2013

Franco Callegaro. Quando scrivere poesie è quasi un destino



Tutto è iniziato un giorno come gli altri, mentre Franco tornava dal lavoro, lungo una strada di campagna.Solo che quel giorno si è trovato davanti un affascinante tramonto. Tanto affascinante da fargli decidere di accostare la sua automobile per fermarsi ad ammirarlo. Solo con se stesso. Questo succedeva quattordici anni fa. L’incontro con quel tramonto è stato anche il suo incontro con la poesia. E da allora non l’ha più lasciata.

venerdì 15 novembre 2013

Andrea Tincani a "Per un Pugno di Film"



Questa settimana il nostro giro del mondo in 80 personaggi del cinema, fa un momento di sosta, perché è tornato a trovarci l'esperto di cinema Andrea Tincani che ci ha parlato della rassegna dell'Arci di Rovigo, "Il cinema in città", in corso di svolgimento presso il Teatro don Bosco di Rovigo e che anzi si avvicina alla conclusione. Le proiezioni sono gratuite e si tengono ogni giovedì sera. Giovedì 14 è stato proiettato il Faust di Sukurov: «Un film importante della storia del cinema. E' un film molto difficile perchè è uno di quei film in cui il regista è molto più colto degli spettatori medi. Poi la cosa che si gode è proprio la messa in scena del film e per un pubblico abituato agli effetti speciali è qualcosa di molto partocolare, perchè lui fa uso solamente di trucchi ottici, quindi usa le lenti e gli obiettivi come si poteva fare dieci anni fa quindi non c'è l'uso del digitale e con attori molto bravi. Il film è stato presentato dal professor Gambato. Giovedì 21 novembre sarà la volta di "Qualcosa nell'aria", che racconta le vicissitudini di un gruppo di ragazzi che fanno il liceo dopo i fatti del '68 e che scoprono l'impegno politico. E' uno dei miei preferiti. Poi chiuderemo in leggerezza, il 28 novembre, con un film melodrammatico, che si chiama "Treno di notte per Lisbona", anche qui con attori importanti ed è la storia di una ricerca degli effetti  una vicenda avvenuta durante la rivoluzione dei garofani in Portogallo e c'è un bel quadro di descrizione sia dell'ambiente ma anche della vicenda amorosa che non è banale. E' un film di estrema gradevolezza». 

domenica 10 novembre 2013

Per un pugno di film: Il giro del mondo in 80 personaggi del cinema


Continua la rubrica "Per un pugno di film", con il solo Simone Munaro al timone (visto che l'amico Denis ha momentaneamente lasciato la nave per raggiungere altri porti) e così con Simone e l'inespertissimo sottoscritto abbiamo iniziato un viaggio alla scoperta dei personaggi del cinema. 
L'idea è nata un po' casualmente dopo avere passato un pomeriggio ad ascoltare e a scoprire Rick Battaglia attore polesano. Abbiamo così intrapreso una strada, navigando a vista, che non sappiamo bene dove ci porterà, perchè gli unici riferimenti che abbiamo sono collegamenti (links) che ogni volta scopriamo, tra i vari attori e registi, e così per il fatto che Battaglia ha lavorato con Sergio Leone, ci siamo lanciato alla scoperta del regista italiano, poi per il fatto che questi è stato plagiato da Akira Kurosawa, abbiamo voluto scoprire chi era e poi per il fatto che Akira Kurosawa ha fatto ben 16 film con Toshiro Mifune abbiamo voluto saperne di più anche su di lui e poi abbiamo scoperto che un regista danese, Lars Von Trier ha fatto un film priprio sull'attore giapponese, ci siamo lanciati alla scoperta anche della vita e opere anche del regista danese... di chi parleremo la prossima puntata? Lo scoprirete seguendo le nostre puntate. 

Puntata del 25 ottobre 2013 (Akira Kurosawa)

Puntata del 1 novembre 2013 (Toshiro Mifune)

Puntata del 8 novembre 2013 (Lars Von Trier)


Giulia e Marina aiutano i senza fissa dimora




Due esperienze di volontariato diverse ma per la stessa associazione. Le ospiti della puntata di Radio Volontariato per il mese di novembre sono Giulia Rociola e Marina Puyol che prestano servizio presso l'Arcisolidarietà di Rovigo. «Arcisolidarietà – ha detto Giulia – è una associazione che si occupa di persone senza fissa dimora e anche di persone che sono arrivate in Italia a seguito dell’emergenza nord-Africa. Ha un asilo notturno a cui le persone che si trovano in difficoltà economica ma anche di relazione, difficoltà affettive,  possono rivolgersi. Possono trovare ospitalità dalle ore 20 (durante il periodo invernale e dalle 21 nel periodo estivo) e possono rimare per la notte fino alle 7 della mattina, orario in cui noi volontarie andiamo per preparare le colazioni». 

martedì 5 novembre 2013

Alberto, da Lusia all'Inghilterra per imparare l'inglese


Ospite della settimana puntata di “Polesine Coast to coast”, la voce giovane di Radio Kolbe, è stato Alberto Pomaro di Lusia che dopo la laurea triennale in ingegneria gestionale ha trascorso un periodo in Inghilterra a Eastburne per migliorare il suo rapporto con la lingua inglese. “Andando in Inghilterra impari la lingua ma non tanto studiando, piuttosto parlandola con gli altri stranieri che sono lì per studiare come te. Sono stato ospite in una famiglia, composta da una mamma con due figlie ed un figlio. Alberto ha proposto agli ascoltatori la canzone di Max Pezzali, “Io ci sarò”. Ed ha aggiunto: «ero in una scuola inglese, dove si studiava grammatica. Le uniche difficoltà che ho trovato sono state un po’ all’inizio, nei primi giorni, poi mi sono ambientato. C’erano anche attività ludiche, come partite a calcetto ecc. E’ una esperienza che rifarei certamente e la consiglio sicuramente a tutti i ragazzi che vogliono migliorare la propria capacità linguistica». I conduttori Thomas e Alberto, gli hanno chiesto se è disponibile a trasferirsi all’estero per lavoro: «Si, lo farei, ma la cosa importante sarebbe apprendere delle capacità, le conoscenze all’estero e importarle nel nostro paese, per costruire qualcosa di buono anche nel nostro paese, nella nostra nazione». Quando non va in Inghilterra Alberto si dà da fare come animatore in parrocchia ed ora sta preparando i ragazzi a ricevere la Santa Cresima. I ragazzi hanno quindi concluso la puntata commentando un twitt di Papa Francesco.